sottocultura

Quali sono le radici dell’Odio?

Vinz si guarda allo specchio del bagno.

Dici a me? Ma dici a me? Ce l’hai con me pezzo di merda? Ce l’ha con me? Hei, avete sentito? Ce l’ha con me. Quello stronzo ce l’ha proprio con me. Cazzo. No dico, è con me che ce l’hai, coglione!

Le due dita di una mano si uniscono a formare una pisola immaginaria, l’altra mano toglie la sicura e BAM.

Vinz è uno dei protagonisti del film L’Odio (La Haine) di Mathieu Kassovitz, è nato e cresciuto nelle banlieue parigine, periferie note per la dilagante violenza e criminalità; davanti allo specchio impersona il personaggio che vuole essere, un uomo duro che non si lascia intimorire, un capo gruppo carismatico che non ha paura di utilizzare un’arma per difendere il proprio onore. Nel dialogo con il suo riflesso, Vinz, costruisce la sua immagine ideale di sè plasmandola sulla base dei valori e modelli a cui aspira.

(altro…)